sabato 9 giugno 2018

Non si uccide per amore

Cari lettori, oggi vi recensirò il romanzo "Non si uccide per amore" di Rosa Teruzzi, edito da Sonzogno. Il romanzo è il terzo dedicato alle vicende di Iole, Libera e Vittoria, rispettivamente nonna, figlia e nipote.

In questo nuovo episodio della serie, Libera si metterà in gioco in prima persona per cercare di far luce una volta per tutte sulla morte misteriosa del marito Saverio, avvenuta più di vent'anni prima. Nei libri precedenti, il caso era stato affrontato solo parzialmente, ma alla fine della lettura il lettore potrà finalmente comprendere quello che è realmente accaduto.

Nei primi due episodi, Libera aveva scoperto uno strano biglietto nella tasca del marito che, dopo alcune indagini, era risultato essere stato scritto da una donna misteriosamente scomparsa, legata alla malavita. E sarà proprio partendo da questo misterioso indizio che inizieranno le investigazioni di Libera, aiutata dall'eccentrica madre Iole, che la porteranno anche a lasciare temporaneamente la sua Milano per raggiungere un paesino della Calabria dove, forse, le due donne potranno scoprire sia la verità su Saverio sia il destino di quella donna misteriosa.

Nella storia non mancheranno anche gli altri personaggi della serie, come il poliziotto Gabriele, per il quale Libera prova sentimenti contrastanti; il giornalista Cagnaccio, ottimo alleato per le sue indagini; il suo amico corteggiatore, che sembra davvero tenere a lei; e la figlia Vittoria, che in questo nuovo libro manterrà ancora un atteggiamento parecchio distante.

Lo stile è sempre molto leggero e scorrevole, così come le descrizioni di Milano, davvero molto accurate. Mi è piaciuto il modo con cui l'autrice ha delineato le vicende legate al caso di Saverio, ma avrei apprezzato un maggior coinvolgimento della figlia dato che, in precedenza, sembrava più motivata della madre nel voler scoprire la verità. Dall'epilogo, però, si lascia intravedere l'ipotesi di un possibile quarto episodio, quindi magari avremo modo di conoscere meglio il suo personaggio in un nuovo episodio della serie, oltre che capire come si evolveranno i rapporti tra Libera e Gabriele!

6 commenti:

  1. Ciao ariel, mi sembra di capire che questi libri siano leggeri ma carini ideali per la stagione estiva, in cui magari si preferiscono letture di svago!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela, concordo con il tuo commento: è proprio una serie adatta per questo periodo! :-)

      Elimina
  2. In pratica sono dei gialli con un po' di ironia e di leggerezza, come quelli di Vitali.
    Penso che li leggerò :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto carini e ben scritti: se vuoi leggere la serie ti consiglio di iniziare dal primo libro "La sposa scomparsa" ;-)

      Elimina
  3. Ciao! Vedo che ti stai appassionando a questa serie :-) In effetti, leggendo le tue recensioni, inizia ad interessare anche a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, è una serie leggera ma curata e dalla trama interessante: se inizierai anche tu a leggerla sarò curiosa di sapere la tua opinione ;-)

      Elimina