giovedì 12 ottobre 2017

La bambina con il cappotto rosso

Cari lettori, sbirciando tra le novità di questo periodo, ho notato questo romanzo dalla trama particolare, un po' inquietante, ma anche capace di suscitare curiosità:

TRAMA (da amazon)

«A volte il pensiero peggiore diventa un treno inarrestabile. È stata colpa mia? È stata colpa mia? È stata colpa mia?» Carmel ha otto anni, i capelli ricci che spuntano in fuori come pistilli di un soffione, un cappottone largo del suo colore preferito. Secondo la maestra si scorderebbe anche la testa, se non l'avesse attaccata al collo. Ma per la madre Beth i suoi momenti d'assenza sono esercizi di fantasia, fughe di una mente affamata di storie. Ecco perché un pomeriggio, durante un festival di storie per l'infanzia, Carmel crede anche a quella che le racconta un distinto signore con gli occhialetti tondi. Sua madre ha avuto un incidente, e lui è il nonno che la bambina non ha mai conosciuto e che si prenderà cura di lei per un po'. Mentre Beth continua a cercarla senza arrendersi, Carmel diventa una delle tante ragazzine scomparse che affollano le pagine di cronaca: con l'unica differenza che non sa di essere stata rapita. Tradotto in sedici paesi, "La bambina con il cappotto rosso" è una favola nera sulle storie che ci raccontiamo per sopravvivere ai dolori più grandi - e su quelle che invece possono materializzare le nostre peggiori paure.

11 commenti:

  1. Non lo conoscevo questo romanzo, sai, Ariel! Ho letto la trama, e mi ha incuriosito. Non so perché mi ha ricordato Lasciami entrare; non so perchè :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gresi, non conosco il romanzo che hai citato, ma concordo con il tuo parere!

      Elimina
  2. Avevo segnalato anche io questo libro e mi ispira davvero protto *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo* scusa sono fusa xD

      Elimina
    2. Ciao Christy, se lo leggerai, allora, leggerò di certo la tua recensione ;-)

      Elimina
  3. Si hai ragione la trama sembra proprio interessante

    RispondiElimina
  4. Sembra molto interessante...
    Ciao e grazie ancora per essere passata dal mio "angolino", mi sono iscritta anch'io con piacere ai tuoi lettori fissi e non vedo l'ora di condividere questa passione per i libri! A presto, buone letture!

    RispondiElimina
  5. Non l'avevo propria notata questa nuova uscita. Molto molto inquietante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Beth, concordo con te, è veramente inquietante, forse per questo mi affascina ;-)

      Elimina