venerdì 17 gennaio 2020

La lettrice scomparsa

Cari lettori, oggi vi parlerò del romanzo “La lettrice scomparsa” di Fabio Stassi, edito da Sellerio. Ho conosciuto questo libro grazie al blog di Silvia, che ringrazio, e ora eccomi qui a parlarvene.

Protagonista della storia è Vince Corso, insegnante precario. Dopo alcune riforme del ministero si ritrova in fondo alla graduatoria, così decide di crearsi una nuova professione, quella di biblioterapeuta. In pratica ascolta i problemi dei suoi “pazienti” (tutte donne) e prescrive loro, come cura, la lettura di uno o più libri.

Una volta avviata la sua attività, Vince si ritroverà a contatto con numerose personalità, afflitte dai problemi più vari, le quali non sempre accetterrano le sue “prescrizioni”. Inoltre, proprio in quel periodo, una sua condomina sparirà misteriosamente: dopo le dovute indagini, la colpa ricadrà sul marito e tutto lascerà pensare che sia stata uccisa.

Parlando con un suo amico libraio, Vince scoprirà una lista di letture che la donna (assidua lettrice) aveva stilato e lasciato in libreria. Da questa, il nostro protagonista, fine conoscitore di libri e letteratura, inizierà un’indagine molto particolare, che potrebbe condurlo a scoprire la reale dinamica dei fatti.

La caratteristica che più mi ha colpito, leggendo questo romanzo, è stata l’abilità stilistica dell’autore. Stassi, infatti, ci presenta una prosa molto raffinata e, nello stesso tempo, fluida e ricca di riferimenti letterari, che rendono manifesta non solo la sua passione per la letteratura, ma anche la sua erudizione. Credo che questo particolare possa essere molto apprezzato dagli amanti della lettura. Nello stesso tempo, però, ritengo che questa peculiarità possa aver penalizzato la trama che, a tratti, ho ritenuto un po’ povera di fatti e piuttosto sovrabbondante di riflessioni e citazioni letterarie. Inoltre ho trovato le sue pazienti un po’ troppo “surreali”.

Al contrario, ho apprezzato molto la figura di Vince Corso, la sua storia personale e la sua idea di diventare biblioterapeuta. Nel libro l’autore dice di essersi appassionato alla materia dopo aver curato l’edizione del volume “Curarsi con i libri” e ho trovato quest’idea davvero azzeccata e quanto mai attuale dato che, proprio in questi mesi, si è parlato e si parla molto delle cosiddette “farmacie letterarie”. Infine, mi è piaciuta la risoluzione del mistero, che non è per niente scontata.

Consiglio perciò questo libro non solo agli appassionati dei misteri, ma anche a tutti gli amanti dei libri e della letteratura che, magari, potranno trovare anche degli utili spunti per le loro future letture.

6 commenti:

  1. Decisamente una storia interessante. Bella recensione Ariel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è molto particolare! Buona domenica Susy :-)

      Elimina
  2. Hi, I follow you on gfc # 224 , follow back?

    https://lovefashionyes.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hi, welcome to my blog! I will follow you :-)

      Elimina
  3. wow, questo non me lo lascerò scappare! mi sembra davvero bello, al centro ci sono i nostri amati libri e un caso di scomparsa: che posso volere di più?
    E di stassi già avevo apprezzato lo stile in "L'ultimo ballo di charlot"

    buona domenica ariel!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela, per me è stato il primo "incontro" con questo autore e, nel complesso, ne sono rimasta soddisfatta! Buona domenica anche a te :-)

      Elimina