sabato 17 marzo 2018

Un po' di follia in primavera

Cari lettori, oggi vi recensirò una delle mie ultime letture, "Un po' di follia in primavera" di Alessia Gazzola, edito da Longanesi.

Anche in questo nuovo episodio della serie Alice sarà impegnata non solo come specializzanda in medicina legale (specializzazione che, tra l'altro, sta per concludere) ma anche come consulente speciale del commissario Calligaris, che ne apprezza le sue doti intuitive.

In questo libro la vittima è un noto psichiatra, che Alice aveva conosciuto perchè professore di uno dei corsi della sua facoltà. Attorno alla sua morte gravitano molti misteri, che coinvolgono la moglie, la sua collaboratrice, ma anche un ragazzo di cui il professore si era occupato in passato. Poi, ad un certo punto, una persona confessa il delitto: sarà stato proprio lui l'assassino oppure sta proteggendo qualcuno? E se le sue dichiarazioni servissero solo per distogliere il commissario e Alice dalla verità? Per scoprirlo non vi resta che leggere il romanzo, nel caso non lo abbiate già fatto!

Per quanto riguarda la vita privata della protagonista... c'è aria di fiori d'arancio! Alice, infatti, ha ripreso la sua relazione con Arthur, che per lei ha deciso di sacrificare parte delle sue aspirazioni lavorative, e i due hanno anche deciso di sposarsi! Per questo, ma pure per l'arrivo della specializzazione in medicina legale, Alice si sente più vicina alla maturità, a quella che dovrebbe rappresentare un punto di svolta della sua vita, e per questo alterna momenti di felicità con altri di timore ma... gli imprevisti sono sempre dietro l'angolo, così come le sofferenze, che coinvolgeranno anche la sua amatissima nonna Amalia.

Non aggiungerò più nulla sulla trama, invitandovi a leggere anche questo libro: come ho già scritto in passato, ho iniziato questa serie qualche anno fa, ma non ne ero rimasta particolarmente coinvolta. Libro dopo libro, invece, ho cominciato ad amare molto i vari casi gialli, così come la progressiva maturazione della protagonista. Lo stile dell'autrice è perfetto perchè corretto e scorrevole, due caratteristiche che, in generale, amo nei romanzi, perciò tutto questo mi ha fatto rivalutare di molto questa serie, che completerò non appena mi arriverà dalla biblioteca l'ultimissimo episodio, "Arabesque".

Nessun commento:

Posta un commento