mercoledì 22 febbraio 2017

L'allieva

Ciao a tutti, oggi vi recensirò la mia ultima lettura, "L'allieva" di Alessia Gazzola, edito da Longanesi. Pur non essendo un libro nuovissimo non lo avevo mai letto, perchè un paio di anni fa ero rimasta delusa da "Sindrome da cuore in sospeso", che non avevo trovato brutto, ma nemmeno troppo esaltante. Poi in autunno ho seguito la fiction e, complice anche i numerosi pareri positivi sui suoi romanzi letti sui vari blog che seguo, ho deciso di iniziare la serie, e ora posso dire che è stata un'ottima idea, perchè il romanzo si è rivelato una lettura fresca, leggera e molto divertente.

Come già molti di voi sapranno, la protagonista è Alice Allevi, specializzanda in medicina legale e tremendamente affascinata dal suo superiore Claudio Conforti, ritratto del perfetto rubacuori affascinante ma assai antipatico (per non dire altro!). 

Durante una mostra del fratello Alice conoscerà Arthur, figlio del capo dell'Istituto di medicina legale, un ragazzo dolce e gentile, e con lui inizierà una relazione. Le ambizioni professionali del ragazzo, giornalista e amante dei viaggi, lo porteranno però lontano da lei, e questo minaccerà la solidità della loro relazione. 

In mezzo ai problemi legati alla sua vita privata Alice dovrà affrontare quelli legati al proprio lavoro: Alice infatti è una ragazza un po' svagata, troppo insicura e poco ambiziosa, atteggiamenti che più volte la porteranno sull'orlo della bocciatura. Ma è anche una ragazza molto sensibile e attenta e queste sue doti le serviranno per far fronte a uno strano caso di morte, sulla quale aleggia l'ombra dell'omicidio.

La nostra protagonista prenderà molto a cuore quest'indagine perchè Giulia, la vittima, aveva avuto modo di scambiare quattro chiacchiere in un negozio  proprio con lei, e questo turberà molto Alice, che si getterà nelle indagini con grande interesse e passione, anche a costo di rischiare la sua incolumità e il suo futuro professionale. 

Avendo già visto la fiction conoscevo già la fine del casoanche prima di leggere il finale, ma non per questo la lettura mi è dispiaciuta, anzi, mi ha fatto piacere ritrovare tutti i personaggi della serie, non solo quelli principali come Alice, Claudio e Arthur, ma anche quelli secondari, come la conquilina Yukino, le amiche Silvia e Lara, i superiori di Alice e la collega snob Ambra. Una vera sorpresa è stato lo stile dell'autrice, scorrevolissimo e molto ironico e frizzante, elementi che non ricordavo di aver colto nell'unico suo romanzo  letto qualche anno fa. A differenza della serie qui compare qualche personaggio in più e la scena del suo viaggio in Sudan (non aggiungerò altro per non fare spoiler!), che conferiscono alla trama maggior spessore.

E' stata quindi una lettura molto piacevole e di sicuro continuerò la serie e, se non lo avete già fatto, la consiglio anche a voi!

8 commenti:

  1. ho quest'autrice in WL da un po', mi sono rispromessa di leggerla nel 2017 :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io l'ho inserita nei miei "buoni propositi" ;-)

      Elimina
  2. Ciao! Sai bene che ho amato la fiction!
    Presto leggerò anche i libri :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! A me il primo è piaciuto, mi farai sapere cosa ne pensi ;-)

      Elimina
  3. Io invece non l'ho vista la fiction, ma ho letto il romanzo e condivido ogni tua parola scritta! Presto però continuerò la serie: ho il secondo volume che mi attende sullo scaffale da un po 😊😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, mi fa piacere che anche tu abbia gradito il romanzo! Buona giornata :-)

      Elimina
  4. Io invece vado un pò contro perchè ho visto solo la prima puntata della fiction e non mi ha convinto e poi il libro non mi ispira per niente. Ma è bello vedere che a te invece ha sorpreso in modo positivo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy, la prima puntata si riferiva al romanzo che non mi è piaciuto molto, questo l'ho trovato molto carino e scorrevole!

      Elimina