lunedì 5 settembre 2016

Il segreto degli angeli

Cari lettori, oggi dedicherò questo post alla recensione dell'ottavo romanzo della serie gialla di Camilla Lackberg, "Il segreto degli angeli", edito da Marsilio.

Da quando ho scoperto quest'autrice sono sempre rimasta più che soddisfatta dalle trame dei suoi romanzi, e anche questo non fa eccezione, anzi, è stato uno tra i più belli della serie.

In questa nuova avventura Patrick e i suoi colleghi dovranno indagare su un doppio mistero, entrambi incentrati sulla colonia dell'isola di Valo, ma appartenenti uno al presente e l'altro al passato. 

Anni prima, infatti, su quell'isola scomparve nel nulla l'intera famiglia dei proprietari della colonia, a eccezione della figlioletta di un anno. Un caso mai risolto, che sembra tornare sotto i riflettori quando Ebba, la figlioletta salvata e ora donna sposata, decide di ristrutturare l'edificio per aprire un bed and breakfast. Durante una notte qualcuno appica un incendio e in un altro momento la donna scampa a un proiettile: chi può volerle del male? Perchè la si vuole ostacolare? Forse perchè nell'edificio sono ancora nascosti dei segreti che in questo modo potrebbero tornare a galla?

Per risolvere questo caso grande aiuto arriverà da Gosta, il poliziotto più anziano e di solito non molto coinvolto dai casi, al quale questa volta si sentirà particolarmente legato per averci lavorato in passato e per aver ospitato per qualche tempo Ebba subito dopo la tragedia. L'altro collega di Patrick invece, Martin, dovrà invece rinunciare al lavoro per un gravissimo problema familiare, mentre la poliziotta Paula aspetta un figlio.

Anche Erica, da sempre appassionata di questo mistero, inizierà un'indagine parallela a quella del marito, con la complicità di Gosta, ma anche con una buona dose di incoscienza che la porterà a rischiare nuovamente la sua incolumità. Ampio spazio sarà riservato pure alla sorella Anna, in crisi con il compagno e ancora traumatizzata dall'incidente avuto tempo prima.

Ancora una volta la Lackberg ci regala una storia molto appassionante, che suscita curiosità nel lettore e che fino alle ultime pagine rivela sconvolgenti colpi di scena. Se in altri episodi si poteva arrivare a intuire il colpevole, in questo caso è molto complicato e questo credo sia un valore aggiunto, dato che quando leggo un giallo amo stupirmi assieme ai protagonisti della storia. Lo stile è scorrevole, nonostante le quasi 500 pagine, e anche il ritmo è sostenuto: il continuo intrecciarsi tra le vicende private dei protagonisti e lo svolgersi delle indagini crea una piacevole varietà che non annoia il lettore. L'unico consiglio che mi sento di darvi però è quello di leggere in ordine la serie, non tanto per gli episodi gialli che sono autoconclusivi, quando per comprendere meglio lo svolgersi delle vite dei personaggi principali.

Alla prossima recensione!

18 commenti:

  1. Ciao Ariel! Non ho letto nulla di quest' autrice e per ora nonostante le tue belle parole non mi attira, forse il genere non rientra tra i miei preferiti, ma comunque è sempre bello leggere recensioni di romanzi diversi e non le solite ultime uscite! Nel tuo blog trovo sempre tanti spunti! Un bacio, Rosa.

    RispondiElimina
  2. ciao Ariel, sai che da tanto vorrei leggere Camilla ma non l'ho ancora fatto? non sono in vena di thriller da un po', spero che prima o poi mi venga di nuovo voglia di tornare a questo genere ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely, aspetto una tua opinione quando arriverà il momento giusto ;-)

      Elimina
  3. Nonostante la tua bella recensione, questo romanzo mi attira e non mi attira e non so perché. Forse il motivo è che con i thriller ultimamente non sto avendo molto fortuna e sto diventando molto diffidente, uffi! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io ho aspettato molto ad approcciarmi a quest'autrice (e l'ho fatto solo perchè una mia amica me l'aveva caldamente consigliata) ma mi ha proprio stupita, non mi aspettavo che le sue storie fossero così belle! Comunque un'altra autrice di thiller che non mi ha mai delusa è Carlene Thompson

      Elimina
  4. devo riprendere quest'autrice, come sai il giallo/thriller è un genere che mi piace tantissimo e questo sembra molto intrigante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me i migliori sono questo, "La principessa di ghiaccio", "Lo scalpellino" e "Il bambino segreto" :-)

      Elimina
  5. Ciao Ariel, mi hai fatto tornare in mente quest'autrice che mi ha sorpresa positivamente con La principessa di ghiaccio e Lo scalpellino. Dopo questi due l'ho lasciata da parte per dedicarmi ad altre letture, ma i suoi libri sono scorrevoli e ben congegnati, li voglio recuperare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Anche a me piacciono molto: i due che hai letto, poi, sono tra i miei preferiti :-)

      Elimina
  6. Ciao Ariel!!
    non ho mai letto nulla di questa autrice, però mi sembra di averla già sentita nominare!!
    prendo nota! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jasmine, se vuoi cominciare a leggerla ti consiglio di iniziare con "La principessa di ghiaccio"

      Elimina
  7. Wow! Sembra davvero bello ^_^ Ricordo quando mi consigliasti questa autrice :) Ci farò un pensierino :)

    RispondiElimina
  8. della lackberg in effetti ne ho sentito parlare benissimo...ma finora mai letto nulla..
    sbaglio ho ci hanno anche fatto una serie tv ?
    baci cara ariel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, però non l'ho mai vista, anche se mi piacerebbe!
      baci anche a te :-)

      Elimina