lunedì 3 aprile 2017

E' solo una storia d'amore

Cari lettori, oggi vi recensirò la mia ultima lettura, "E' solo una storia d'amore" di Anna Premoli, edito da Newton Compton.

La storia si sviluppa sullo stesso filone delle opere precedenti dell'autrice: protagonisti sono Aidan e Laurel, il primo scrittore da premio Pulitzer in crisi creativa e la seconda prolifica scrittrice di romanzi rosa. Dopo un incontro burrascoso in cui gli approcci di Aidan vengono rifiutati da Laurel, che non lo considera il tipo giusto per lei, i due si ritrovano insieme in televisione per un'intervista e lì la ragazza gli riesce a strappare la promessa  di scrivere un romanzo rosa, genere da lui sottovalutato e considerato scritto da donne fragili e troppo romantiche per altrettanti donne dallo stesso temperamento.

Dopo le prime difficoltà il ragazzo si rende conto che anche una "banale" storia d'amore non è così semplice da scrivere e che solo la presenza di Laurel è in grado di ispirarlo, anche perchè i primi capitoli del suo romanzo sembrano basarsi su quello che succede durante i loro incontri/scontri, così, preso atto della situazione, comincerà a starle appresso e a seguirla ovunque. D'altra parte, anche Laurel si renderà conto che il romanzo che sta scrivendo assomiglia molto alla realtà...

Una commedia romantica, dal finale prevedibile ma dallo stile scorrevole, piacevole e per questo adatta come lettura "leggera", magari da alternare a una più impegnativa. Come già sottolineato, trovo che questa scrittrice scriva storie molto carine e divertenti, anche se mi piacerebbe che osasse di più e che provasse a staccarsi dal filone "amore/odio". Tra i due protagonisti ho preferito Laurel; ho trovato Aidan troppo "appiccicoso" per i miei gusti, mentre ho apprezzato moltissimo il messaggio che ha voluto far emergere sulla cosiddetta "letteratura rosa", che ancora oggi è piena di pregiudizi, considerata  letteratura di serie B e piena di detrattori, che pensano sia destinata solo a donne sciocche e frivole, e che tendono a considerare tali anche le stesse autrici. Questo argomento "metaletterario" a mio parere costituisce la parte forte del romanzo, più della storia in sè, e lo considero un inserimento molto interessante, a proposito di un tema sul quale non si finisce mai di discutere.

12 commenti:

  1. Ciao! :D L'hai letto finalmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, era nella mia wish list da un bel po';-)

      Elimina
  2. Ciao nuova iscritta, bellissimo questo libro adoro la Premoli e ogni suo lavoro, questo devo ancora recuperarlo ma conto di farlo al più presto. Se ti va passa dal mio, mi farebbe davvero piacere :* e ancora complimenti per la recensione :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuta nel mio blog, passo di sicuro a vedere il tuo :-)

      Elimina
  3. Ciao Ariel! Io adoro la Premoli e anche questo libro non mi ha delusa. Ho trovato degli interessanti spunti sulla letteratura rosa e come sempre non è mancata qualche risata grazie ai personaggi =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jess, anch'io ho apprezzato particolarmente gli spunti sulla letteratura rosa :-)

      Elimina
  4. Ciao Ariel!
    Questo è stato il primo libro della Premoli che abbia letto, e mi è proprio piaciuto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jasmine, allora colgo l'occasione per consigliarti "Ti prego, lasciati odiare", a mio parere uno dei suoi romanzi più belli :-)

      Elimina
    2. Ce l'ho nel kindle quindi è il lista! 😉

      Elimina
    3. Bene! Aspetto di conoscere il tuo parere quando lo avrai letto, allora ;-)

      Elimina
  5. ho letto questo libro a inizio anno! E' stato un regalo di Natale! All'inizio ero un po' prevenuta dal titolo... ma quando l'ho finito ne sono rimasta piacevolmente colpita!... Certo come dici tu il finale è prevedibile, ma la storia mi è piaciuta! :)
    Baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Iaia, sì, la storia è gradevole e divertente :-)

      Elimina