lunedì 31 ottobre 2016

Halloween Book Tag

Cari lettori, oggi ho deciso di proporvi un tag a tema con la giornata odierna che è stato realizzato dalle blogger di "Libri di cristallo"; "Libri e molo altro" e "Sognatrice interrotta". 




Zucca: la lanterna si accende... quale libro avrebbe bisogno di un po' di luce?


Questo è uno dei romanzi meno noti di Giovanni Verga, che si è diffuso molto grazie all'edizione supereconomica della Newton Compton. Una storia veramente triste, che ha come filo conduttore la vicenda di una monacazione forzata: una trama molto triste e con un ancor più infelice epilogo.


Trick or treat: suonano il campanello, fai la tua scelta... quale libro regaleresti?



E' l'ultima lettura che ho terminato: un romanzo che narra di un evento che la Storia ha dimenticato e che deve essere assolutamente conosciuto, per conservare almeno il ricordo di tutte quelle povere vittime...



Casa infestata: un libro dalla copertina inquietante



Peccato che il romanzo non si sia poi rivelato inquietante come la cover! 



Fantasma: il libro più spaventoso che hai letto



In realtà non leggo molti libri spaventosi, l'unico che mi viene in mente è questa raccolta, della quale lessi alcune storie alle superiori.



Vampiro: un libro che ti ha ammaliato



Adoro quest'autrice, e questo è il suo romanzo che ho apprezzato di più: letto in pochissimo tempo, ben strutturato, non banale e scontato... cosa volete di più?



Dolciumi: siate golosi... i tuoi libri preferiti



Adoro molto i chick lit, come quelli di Sophie Kinsella, Gemma Tonwley, Melissa Hill, Jane Heller, ma anche i gialli, come la serie di Camilla Lackberg o quelli di Carlene Thompson. Ho adorato anche la quadrilogia de "L'amica geniale" e, al momento, sto apprezzando molte uscite della Garzanti, come i romanzi della Sepetys o "Il gatto che aggiustava i cuori".



Strega: mescola il calderone... quale libro ti ha ingannato?



Pensavo fosse più avvincente: come al solito i romanzi troppo pubblicizzati si rivelano una delusione...



Bara: alcuni libri è meglio chiuderli per non soffrire troppo... quali?



Mi dispiace per l'autore, del quale avevo apprezzato "Io non ho paura", ma questo romanzo non sono riuscita a terminarlo.



Ragnatela: un libro in cui ti sei impigliato e hai avuto fatica a liberarti 



Mi dispiace, perchè a molti è piaciuto, ma io l'ho terminato solo perchè era breve: non sono riuscita a entrare in sintonia con la protagonista.



Scheletro: qual è il tuo scheletro nell'armadio?

Ebbene sì, lo confesso: ho letto qualche romanzo di Federico Moccia ma non sono mai riuscita a concludere "Il nome della rosa" di Umberto Eco e non mai letto "Il buio oltre la siepe".

Il tag è terminato: se volete postare i vostri link, fatelo pure e passerò a sbirciare le vostre risposte :-)


domenica 30 ottobre 2016

Ottobre: La giornata d'uno scrutatore

Cari lettori, il classico che ho deciso di recensire per voi questo mese è un altro scritto di Italo Calvino, "La giornata d'uno scrutatore", che ho letto nell'edizione Oscar Mondadori.

Nonostante la brevità dell'opera, nella presentazione del romanzo, Calvino ci informa di aver impiegato quasi dieci anni per comporla. La storia infatti presenta una trama molto semplice e statica, ma è densa di riflessioni filosofiche, che toccano vari ambiti, come per esempio l'esistenza umana, la politica, il concetto di democrazia e la religione.

Protagonista è Amerigo, un militante del partito comunista che si trova a dover fare lo scrutatore in un seggio elettorale situato in un Cottolengo, ovvero un istituto religioso nel quale vivono persone disagiate, la maggior parte di esse con problemi fisici e psichici.

La popolazione si trova a dover votare per approvare una legge che il protagonista definisce "truffa" e, in nome della democrazia, tutti sono chiamati al seggio, anche chi è incapace di intendere e di volere. Molti di essi sono accompagnati da alcuni religiosi, che li obbligano a votare a favore della democrazia cristiana, che se ne approfittno delle loro condizioni di minorati psichici. Amerigo perciò comincia a riflettere su come il concetto di democrazia tanto decantato dalla politica sia solo un pretesto per sfruttare a proprio vantaggio i voti della povera gente. 

Da questa riflessione Amerigo capisce che la società non è più quella dell'immediato dopoguerra e che sta vivendo un periodo di crisi: in un certo senso il Cottolengo è la diretta trasfigurazione del senso di decadimento che ha investito la popolazione, una sorta di rappresnetazione dell'intero mondo. 

Ma anche lui stesso si sente parte di questo momento così negativo: infatti, pur essendo un sostenitore del partito comunista, ne avverte gli estremi e non li condivide, si sente perciò privo di un reale riferimento politico e incapace di prendere una posizione. Lo stesso dicasi per la sua vita privata: il nostro protagonista infatti viene a sapere dalla sua compagna che forse diventerà padre e questo lo destabilizza ancora di più.

Alla fine della storia, però, Amerigo vede una scena che lo incanta: un padre che dà da mangiare al figlio con problemi mentali. Essi sono complementari, ognuno è necessario per l'altro e da questa scena il nostro protagonista comprende l'aspetto concreto dell'amore, l'unico sentimento in grado di poter salvare la nostra società. E da qui ne uscirà un Amerigo diverso, che in quella giornata priva di eventi eclatanti o colpi di scena gli ha permesso di compiere delle riflessioni e di cercare di trovare una risposta a esse.

Ho iniziato a leggere questa storia credendola diversa: più densa di azioni e meno di riflessioni, ma alla fine l'ho trovata un piccolo capolavoro, che fa riflettere non solo il protagonista (alter ego dell'autore) bensì il lettore stesso, ponendolo di fronte a temi molto attuali, che riguardano la società e la  stessa nostra natura umana: proprio per questo ve ne consiglio la lettura!

venerdì 28 ottobre 2016

Breve storia del romanzo rosa

Cari lettori, oggi la mia rubrica culturale avrà come oggetto una breve storia di uno dei generi letterari più venduti e amati dal genere femminile: il romanzo rosa. Come già sapete, la struttura generale di questo filone letterario è il racconto di una storia d'amore contrastata tra un uomo e una donna, che tende a concludersi con lieto fine.

Questo tipo di letteratura è nata agli inizi del Novecento in Gran Bretagna, grazie alle opere di Constance Heaven e Georgette Heyer. Esse presero come modello Jane Austen e, nelle loro storie d'amore, le due scrittrici si divertirono a intrecciare scene avventurose, come duelli, rapimenti e congiure unite ad accenni che si rifanno alla commedia degli equivoci, come agnizioni e intrighi. Inoltre le ambientazioni ricalcano quelle del romanzo gotico, presentando storie ambientate in castelli, monasteri, rovine... Protagonisti sono soprattutto aristocratici dei primi dell'Ottocento, che si innamorano di donne ricche di virtù. La Heyer, in particolare, inserisce anche elementi tipici del mistery. 
Famosa scrittrice rosa dei giorni nostri è invece Rosamunde Pilcher.

In Francia il genere si diffuse grazie alle storie di Jeanne-Marie Petitjean de la Rosière e Frédéric Petitjean de la Rosière, due fratelli nati alla fine dell'Ottocento che, sotto lo pseudonimo Delly, pubblicarono romanzi nei quali la protagonista femminile era sempre una pudica fanciulla in contrasto con un destino avverso. Famosa anche la saga di Angelica di Anne e Serge Golon.

Diversa la situazione in America per quanto riguarda la caratterizzazione della protagonista femminile, che in questo caso si fa portatrice dei valori di indipendenza ed emancipazione, l'ambientazione si fa contemporanea e cominciano ad apparire le prime scene di sesso. Inoltre negli anni cinquanta nasce sia la Harmony, una casa editrice specializzata solo nel genere rosa, sia la Harlequin che, a partire dagli anni Settanta, cercò di introdurre tematiche in linea con i tempi, come il divorzio, le famiglie allargate, la volontà della donna di affermarsi nel mondo del lavoro. 

In Italia il genere nasce con  la "Collana per le signorine" edita da Salani, che tradusse molti romanzi di Delly, pseudonimo dei due fratelli francesi nominati precedentemente. Celeberrima scrittrice di questi romanzi è Liala (Amalia Liana Negretti Odesclachi), il cui pseudonimo venne scelto da D'Annunzio "perchè ci sia sempre un'ala nel tuo nome". Liala pubblicò il suo primo romanzo rosa nel 1931, dal titolo Signorsì. La maggior parte dei suoi romanzi si svolgono in ambienti militari e i personaggi maschili sono quasi sempre uomini in divisa molto valorosi. 
Tra le scrittrici contemporanee del genere si ricordano Maria Venturi e Sveva Casati Modignani.

Negli anni Novanta è poi nata una variante del rosa, il genere chick lit (letteralmente "letteratura da da pollastrella"), rivolto soprattutto a donne giovani, single e in carriera. Le protagoniste sono giovani tra i venti e i quarant'anni che abitano in grandi città e lavorano nel campo dell'editoria, della moda, della comunicazione. Lo stile è spesso ironico e non mancano scene un po' hot. Famosissime scrittrici di questo genere sono Helen Fielding, autrice della saga di Bridget Jones, e Sophie Kinsella. 



Insomma, pur essendo una letteratura prettamente di consumo non si può negare l'evoluzione compiuta nel tempo di questo genere letterario, capace di rimodellarsi in base alle esigenze e  ai problemi del suo pubblico e di offrire sempre più spunti di riflessione all'interno della narrazione, erroneamente ritenuta troppo frivola dai suoi detrattori.


Seconda foto tratta da aNobii
Terza foto tratta da Donna Fanpage

giovedì 27 ottobre 2016

La scatola delle lettere perdute

Ciao a tutti, oggi vi voglio segnalare tra le nuove uscite la trama di questo romanzo, che ha da subito catturato la mia attenzione:

TRAMA (da amazon)

Quando sua nonna Mariam muore, Katerina eredita un’antica scatola da spezie. Al suo interno, avvolti da un intenso profumo, trova delle lettere e un diario scritto in armeno. Katerina scopre così che la sua famiglia è stata devastata dalla tragedia armena del 1915. Non solo Mariam, ancora bambina, è stata esiliata dalla sua casa in Turchia e separata dall’amata famiglia, ma ha anche dovuto affrontare il terribile dolore per la perdita del primo amore. Inquieta per ciò che ha scoperto, Katerina vuole andare a fondo in quella storia. Decide allora di mettersi sulle tracce dell’amata nonna e intraprende un viaggio che la porterà dall’Inghilterra a Cipro e poi dall’altra parte del mondo, a New York. Sarà un tuffo nel passato, ma anche un modo, per Katerina, di liberarsi di ricordi dolorosi in cui è ancora intrappolata.

martedì 25 ottobre 2016

Letto e biscotti

Cari lettori, eccoci giunti alla mia rubrica del martedì, dedicata alle letture che mi piacerebbe consigliarvi. Oggi per voi la trama di un breve romanzo, leggero e divertente, adatto a rallegrare queste uggiose giornate d'autunno...

TRAMA (da amazon)

Traguardi da raggiungere prima dei trent'anni: trovare un buon lavoro; sposare un uomo attraente con un buon lavoro; avere un conto in banca con il saldo in attivo; restare incinta; fare sesso almeno tre volte a settimana; perdere cinque chili. Quinn - "Q" per gli amici - Boothroyd, giovane inglese trapiantata a New York, può ritenersi fortunata: volendo passare in rassegna la lista ideale delle cose che una giovane donna moderna dovrebbe fare prima di compiere trent'anni, sarebbe senz'altro a buon punto. È sposata con Tom, ha una luminosa carriera da avvocato che procede con il vento in poppa ed è incinta di ventisei settimane. Certo, la gravidanza ha fatto sì che fare sesso tre volte a settimana sia un lontano ricordo e che la lotta con la bilancia sia persa in partenza, ma il resto sembra andare a meraviglia. Finché, un giorno, la ginecologa non le comunica che la sua pancia è troppo "piccola" e che per evitare di creare rischi al bambino, Q dovrà stare immobile fino al momento del parto. Nessun movimento né sforzo, solo totale e assoluto riposo, passando dal letto al divano. All'improvviso, la vita di Q è confinata tra quattro pareti e l'appartamento con due camere da letto che tutti le invidiano sembra minuscolo. Come fare a non impazzire di preoccupazione e di noia? Ci penseranno le amiche con le loro peripezie sentimentali, una mamma invadente, una vicina di casa greca e una grossa scorta di panini e biscotti al cioccolato.

lunedì 24 ottobre 2016

Tornerò da te

Buon inizio di settimana, cari lettori: oggi voglio dedicare un post a un'autrice emergente, Arianna Di Luna, e alla presentazione del suo romanzo, "Tornerò da te", uscito il 13 ottobre al costo di 2, 99 euro, ma in offerta a 0,99 centesimi fino alla fine del mese: approfittatene!


TRAMA (da amazon)

Quando Viola ha diciassette anni, la sua vita tranquilla viene stravolta: per via del trasferimento di sua madre all’estero, deve lasciare Milano - dove è nata e cresciuta - e trasferirsi da suo padre in una cittadina sul mare.
Lì c’è una nuova vita ad attenderla. Le sue nuove amiche Flavia e Ruby, le giornate trascorse tra la scuola e la piazza principale della città, le feste e le lunghe nuotate al mare.
Sembrerebbe tutto perfetto se non ci fosse Andrea, un ragazzo bellissimo e misterioso che appare nei momenti più strani e che sembra detestarla. Viola vorrebbe non farci caso, ma la curiosità è troppa. Andrea si avvicina e poi si allontana da lei in un gioco crudele, sembra tenere in mano le redini del loro strano rapporto di amore e odio.
E ha un segreto enorme che non vuole rivelarle, un segreto per cui potrebbero perdere tutto, e anche l’attrazione disperata che provano l’una per l’altro potrebbe dissolversi come fumo.

Link per l'acquisto: https://www.amazon.it/dp/B01LZCY12G 

In bocca al lupo all'autrice e alla prossima segnalazione! 

sabato 22 ottobre 2016

La setta dei golosi

Cari lettori, oggi vi recensirò la mia ultima lettura, il romanzo postumo "La setta dei golosi" scritto da Giuseppe Pederiali ed edito da Garzanti.

La storia, molto particolare, è ambientata in Emilia, tra Ferrara e Modena. Protagonista è Matilde, proprietaria de "L'osteria della Fola", una donna amante della buona cucina (passione trasmessole dal nonno) e dei misteri (interesse derivante dal padre, appartenente alla polizia). Pare inoltre che la donna sia la discendente di un celeberrimo cuoco degli Estensi, delle cui ricette Matilde vorrebbe curare un'edizione.

Una sera, mentre sta tornando a casa,  viene infastidita da alcuni delinquenti, ma il pronto intervento di un senzatetto l'aiuterà a togliersi dai guai. L'uomo, che dice di chiamarsi Jacopo, entrerà a far parte dello staff della trattoria, rivelandosi un cuoco bravissimo e dal palato finissimo. Ma attorno a lui ruotano molti misteri, a partire dalle strane storie che racconta, che lo vedono protagonista assieme a personaggi di anni troppo lontani per essere considerate realistiche... e poi paia che cerchi sempre di nascondersi: perchè? Quale segreto custodisce quest'uomo che sembra non avere un passato, che non nutre nessun tipo di ambizione nonostante il talento che possiede, che non mangia con gli altri e che  rifiuta le avances della cameriera Susy pur provando attrazione per lei?

Ma i misteri non sono finiti, perchè di lì a poco un noto giornalista enogastronomico viene trovato ucciso, un anziano ristoratore scomparso  viene rinvenuto annegato in un ruscelletto e ne "L'osteria della Fola"  si introducono dei brutti soggetti, che vogliono a tutti i costi trovare Jacopo.

Insomma, man mano che si procede nella lettura tutto sembra convergere nella figura di questa persona così piena di ombre, probabile custode di un segreto, del quale un gruppo di persone vorrebbe impadronirsene: esso è proprio la "setta dei golosi", che è disposta a tutto, anche a uccidere, pur di raggiungere il proprio obiettivo.

Come potete comprendere da questo breve riassunto, la storia è molto originale: presenta sfumature tipiche del romanzo giallo ma anche del rosa, dato che Matilde, la quale a tratti si improvviserà detective per cercare di risolvere il mistero, vivrà un'intensa storia d'amore. Inoltre sono presenti anche riferimenti al romanzo fantasy, che all'inizio non avevo capito ci fossero, dato che non sono propriamente una fan del genere, ma che poi ho saputo lo stesso apprezzare.

Filo conduttore di tutto il romanzo è l'amore per la cucina e per il cibo, che l'autore sviluppa dalla prima all'ultima pagina, descrivendo ricette e piatti tipici del posto con grande maestria, sapendo evocare l'atmosfera delle tradizioni e dei sapori della bassa Padana. Inoltre il suo stile è molto ricercato, minuzioso, ma non per questo noioso o pedante, anzi, il romanzo si fa leggere assai in fretta.

Unica nota negativa è la risoluzione finale del problema, a mio parere troppo semplice per l'intreccio creato dalla fervida fantasia dello scrittore.

Il romanzo però resta lo stesso un'opera ben strutturata e  scritta benissimo, particolare e misteriosa, ricca di colpi di scena e di azione, e che per questo vi consiglio vivamente di leggere!

venerdì 21 ottobre 2016

Intervista sul blog "Libri e molto altro" di Serena

Cari lettori, oggi per voi un post speciale e diverso dal solito, per comunicarvi che la blogger Serena di "Libri e molto altro" ha pubblicato un'intervista che riguarda me e il mio blog. Se avete voglia di leggerla e, già che ci siete, di fare un giro sul suo bel blog, ecco il link:


Buona lettura e buon week end!

giovedì 20 ottobre 2016

Dieci e lode

Cari lettori, oggi per la mia rubrica dedicata alle nuove uscite vi voglio segnalare un romanzo che in realtà è in libreria da più di un mese, ma che vi volevo proporre lo stesso perchè mi sembra molto bello. Trattasi di "Dieci e lode" di Sveva Casati Modignani, un'autrice di cui ho sempre sentito parlare bene, ma della quale non ho mai letto nulla. Magari comincerò a conoscerla proprio da questa sua ultima storia...

TRAMA (da amazon)

Passiamo tanto tempo a inseguire sogni che ci sfuggono di mano, una felicità che non si lascia catturare. E poi capita che il meglio della vita si sveli in un attimo, magari nella magia di un incontro inatteso. Come quello tra Lorenzo e Fiamma, sorpresi da un amore che nemmeno loro, forse, credevano più possibile. Lorenzo Perego, uomo di grande fascino e cultura, insegna geografia economica in una scuola professionale di Milano. Avrebbe potuto scegliere un istituto più prestigioso, ma l'insegnamento è la sua passione e aiutare i ragazzi di talento in una realtà difficile e spesso desolante è una sfida che lo entusiasma e lo arricchisce. Non ha una famiglia tutta sua, ma, come ama ripetere, i suoi studenti sono come figli. Fiamma Morino ha poco più di quarant'anni, è madre di due bambine che adora, frutto di un matrimonio sbagliato, e direttore editoriale di una piccola e florida casa editrice che lei stessa ha fondato insieme al suo più grande amico, purtroppo venuto a mancare. Ora che la casa editrice sta per subire un drastico cambiamento di gestione, che Fiamma non condivide, è disposta a tutto pur di difenderla e di continuare a garantire la cura e l'amore con cui da sempre si dedica ai suoi autori. Lorenzo e Fiamma: il professore e la donna dei libri. Attraverso la loro esperienza, vediamo uno spaccato dell'Italia di oggi, quella della crisi della scuola e dell'economia, ma anche quella fatta di persone intraprendenti, pronte a rimboccarsi le maniche e decise a non arrendersi.

martedì 18 ottobre 2016

Lettera da una sconosciuta

Cari lettori, ecco a voi la lettura che vi voglio consigliare questa settimana: una storia ricca di mistero ma anche romantica e appassionante, ambientata soprattutto in Oriente...

TRAMA (da amazon)

Arrivata nel Connecticut per trascorrere un weekend nella villa di famiglia, la pluripremiata regista Justine Nolan trova una lettera indirizzata alla madre. Strano, pensa. Sono ormai anni che sua madre non vive più lì, si è trasferita altrove diradando i rapporti già difficili con i figli, e lasciando che fossero loro a occuparsi della casa. Justine, incuriosita, decide di aprire la busta. Bastano poche righe perché il mondo le crolli addosso, in un istante. Come un castello di carte al primo soffio di vento. Tutto quello che Justine ha sempre saputo sulle proprie radici è soltanto una serie interminabile di bugie. E lì, scritto nero su bianco, c'è un primo tassello, la punta di un iceberg: l'adorata nonna Gabriele - l'unica persona che l'abbia davvero amata, e che lei crede morta in un incidente aereo anni prima - in realtà è viva. Justine è sconvolta. Decisa a conoscere la verità, parte sulle tracce del proprio passato. Iniziando un viaggio che la porterà fino al confine tra Oriente e Occidente, nella città di Istanbul. La ricerca non sarà facile, ma l'incontro con un uomo affascinante e misterioso - che sembra sapere molto più di quanto vuol far credere - la aiuterà a guarire le ferite e a riscoprire le ragioni del cuore. E così, lontano da casa, i segreti verranno a galla, e finalmente anche l'amore troverà la sua strada.

lunedì 17 ottobre 2016

Tutto il tempo del mondo (A Time for Love Trilogy v. 1) di Sara Purpura

Cari lettori, buon inizio di settimana. Oggi ritorna la mia rubrica dedicata alla presentazione di romanzi scritti da autori emergenti: con questo post vi voglio segnalare l'ultimo romanzo di Sara Purpura (genere New adult) , che uscirà il 31 ottobre ma del quale è già possibile effettare il pre ordine.

Di seguito tutte le informazioni:

TRAMA 
San Diego. California.
Quando Desmond Ward viene dato in affido ai Kerper, non riesce a nascondere la sua rabbia. È l’ennesimo tentativo da parte del sistema di trovargli una casa e sa che presto, memore delle volte precedenti, verrà rimandato al mittente come un pacco non gradito. Tuttavia, abitare con quella famiglia facoltosa potrebbe significare diventare un giocatore professionista di football, ma la sua voglia di riscatto si scontra con l’attrazione per Anais Kerper, colei che con molta probabilità diventerà sua sorella.
Anais lo calma, gli fa sentire di meritare qualcosa, di essere giusto e per la prima volta amato. Des, invece, sembra essere l’unico a capirla veramente. Non importa se le sta vicino mentre riversa l’anima sul fondo di un WC, o mentre finge che la sua vita sia perfetta, dopo essersi tagliata perché non lo è affatto.
Lui la guarda, vedendola davvero, ed è quello a cui Anais si aggrappa per combattere il dolore.
Per loro è proibito volersi, lo sanno entrambi, eppure si cercano, si scontrano per poi capire di essere affini e sentirsi pericolosamente vicini.
Riusciranno due anime sole a guardare oltre se stesse?
Due ragazzi feriti impareranno che non c’è vincolo in grado di impedire a un altro di diventare indelebile.
Non ci sono muri oltre i quali nascondersi, se il cuore suona un battito nuovo. Basta solo ascoltarlo e convincersi di meritarlo.

Estratti:


[…] «Ho fatto a pugni con il mondo, ma tu sei il mio unico K.O.»

 
[…] A volte la persona che ami di più è quella che invece vorresti odiare.


[…] «Forse è questo che fa l’amore…» affermo.
«Ti fa sentire riempito. Non è così?»

[…] Perdere l’amore danneggia chi siamo.
Questa privazione ha ferito me e Desmond come la carezza crudele di mille lame.














DELLA STESSA AUTRICE:

Profumo di zagara
Il dono della felicità

Come il sole di notte
Oltre il buio - Buio & Luce Trilogy vol.1 -
La mia luce sei tu - Buio & Luce Trilogy vol.2 -
Le ombre del cuore - Buio & Luce Trilogy vol.3 -

In bocca al lupo all'autrice e buona lettura a tutti!

sabato 15 ottobre 2016

Liebster award (parte II)

Cari lettori, avendo ricevuto altre due nomine per il liebster award, colgo per prima cosa l'occasione per ringraziare le blogger Nik di alberidalibro.blogspot.it e Sara di http://andibelieveinabookagain.blogspot.it/ e poi ne approfitto di questo piovoso pomeriggio per rispondere alle loro domande, queste sono quelle di Nik:


1. Dopo aver finito un libro, come scegli la tua lettura successiva? La prima cosa che mi colpisce in un romanzo è la cover, poi passo a leggere la trama: se mi interessa il più delle volte lo prenoto in biblioteca e in base all'ordine di arrivo passo da una lettura a un'altra! 
2. Qual è un post del tuo blog che ti piace particolarmente e perché? (Linkalo) Tra tutti ho un debole per questo https://langolodiariel.blogspot.it/2016/05/tra-classicismo-e-romanticismo-diodata.html perchè riguarda l'autrice oggetto della mia tesi di laurea 
3. Un libro al quale hai preferito il film che ne è stato tratto. Non guardo molti film, al momento mi viene in mente "Cime tempestose", ma solo perchè ho provato a leggere il romanzo quando ero molto piccola e quindi dopo un po' lo avevo abbandonato, ma mi piacerebbe riprenderlo perchè penso che ora possa piacermi! 
4. Che cosa piace del tuo blog ai tuoi lettori? Questo dovresti chiederlo a loro ;-) Dai commenti credo però che apprezzino molto i post dedicati alle curiosità letterarie.
5. Hai del tempo libero tutto per te, qual è la prima cosa che ti viene in mente di fare? Ora come ora ti direi scrivere! Vorrei realizzare il mio quarto romanzo, ho scaletta e trama ma mi manca il tempo! 
6. Quale libro famoso avresti voluto scrivere tu? La Divina Commedia, per quanto riguarda invece i romanzi moderni la quadrilogia de "L'amica geniale".
7. Un evento importante della tua vita? La mia laurea.
8. Quali sono, secondo te, due libri imperdibili che tutti dovrebbero leggere? Domanda difficile, ogni libro ha qualcosa da offrire al lettore, e non è facile nominarne solo due, ma ti cito lo stesso "Storia di una ladra di libri" e "Se questo è un uomo". 
9. La cosa più folle che hai fatto? Bere un po' troppo vino (o era spumante?) alla mia comunione: non mi sono ubriacata ma ero un po' alticcia ;-)
10. Come ti vedi tra 20 anni? Non lo so, mi auguro solo di essere una persona serena e con degli obiettivi ancora da raggiungere, per non annoiarmi troppo! 
11. C'è un libro in particolare che vorresti regalare a una persona in particolare? A una persona in particolare no, però vorrei consigliare a tutte le "gattare" il romanzo "Il gatto che aggiustava i cuori": è bellissimo!                          
Queste sono invece le risposte alle domande di Sara:
1. In che modo è nata la tua passione per la lettura? Non è nata in un giorno preciso, diciamo che si è alimentata con gli anni, notando che leggere libri e immergermi nelle loro storie mi piaceva molto.
2. Quando leggi un libro segni le citazioni che ti colpiscono? Se sì, come? (Sottolineandole, trascrivendole su dei fogli, mettendo post-it, ecc.)No, le apprezzo al momento, ma poi la cosa finisce lì: un po' perchè la maggior parte dei libri che leggo sono della biblioteca e un po' perchè essendo disordinata poi se le scrivessi finirei per ficcarle in giro da qualche parte e perderle ;-)
3. Quanti libri leggi in media in un anno?
Non li conto, ma ho notato che leggo in media un libro alla settimana, quindi direi circa una cinquantina.
4. Quali sono i cinque libri che, per il momento, hai preferito nel 2016?
La bambina numero otto, Il gatto che aggiustava i cuori, Pomodori verdi fritti al caffè di whistle stop, l'ultima lettera d'amore, Avevano spento anche la luna.
5. Leggi di più in formato cartaceo o in digitale?
Cartaceo, perchè ho solo il kindle per pc, anche se sto facendo un pensierino sulla possibilità di comprarmene uno come si deve, ma il formato cartaceo rimarrà sempre il mio preferito.
6. Quali sono le tue piccole ossessioni da lettore?
Prima di riconsegnare un libro alla biblioteca mi piace risfogliarlo velocemente e rileggermi la trama, come se fosse un modo per congedarci.
7. Hai mai letto un libro perché ti era stato consigliato e poi hai finito per amarlo? Se sì, quale?
Ho letto tanti libri che mi sono stati consigliati, e il più delle volte mi sono piaciuti. Ho scoperto così molte autrici, come la Ferrante, la Lackberg, Amy Harmon, la Flagg...
8. Segui una Reading Book Challenge annuale?
No, perchè mi piace essere "libera" nelle scelte delle mie letture.
9. Quali sono stati i pro e i contro dell'apertura del blog?
I pro sono stati la possibilità di conoscere, seppur virtualmente, delle persone appassionate di lettura come me, che si sono rivelate anche persone molto carine e gentili, poi la possibilità di poter condividere pensieri e opinioni sulle nostre letture! I contro è il tempo, che non è mai abbastanza! E (e questo lo scrivo in senso ironico) la possibilità di conoscere l'esistenza di troppe letture che hanno reso infinita la mia wish list ;-)
10. Quali sono le tre case editrici che preferisci?
Di solito non bado troppo alle case editrici quando scelgo un romanzo, ma ho notato che apprezzo e leggo soprattutto libri della Garzanti, Newton Compton e Mondadori.
11. Elenca cinque titoli della letteratura per l'infanzia che adori
Il giardino segreto; Piccole donne; La piccola Lady Jane; La piccola principessa; Le streghe.
Se qualcuno fosse interessato a leggere le risposte alla prima parte di questo post (che ho deciso di dividere in due perchè stava diventando troppo lungo) questo è il link: https://langolodiariel.blogspot.it/search/label/Speciale%20%22Liebster%20Award%202016%22
Buona domenica a tutti! :-) 

venerdì 14 ottobre 2016

La prima donna laureata nel mondo: Elena Lucrezia Cornaro

Cari lettori, oggi ritorna la mia rubrica culturale, questa volta dedicata alla figura di Elena Lucrezia Cornaro, la prima donna laureata della storia, sulla quale la nostra nazione può vantare il primato.



Nata a Venezia nel 1646 da Giovanni Battista Cornaro e Zanetta Comi, quinta di sette figli, manifestò sin da piccola la sua passione per lo studio e la cultura, attraverso l'apprendimento di numerose lingue, come il latino, il greco, il francese, l'inglese, lo spagnolo e addirittura l'ebraico. I suoi interessi comprendevano inoltre gli studi filosofici. 

Nel 1665 prese i voti delle monache benedettine, ma decise di continuare a vivere nella casa della sua famiglia. Due anni dopo fece richiesta allo Studio di Padova per essere ammessa al conseguimento della laurea in teologia, ma ciò le fu negato dal vescovo di Padova, Gregorio Barbarigo, in quanto donna e per questo "inferiore all'uomo". 

Elena, allora, decise di conseguire la laurea in filosofia, con una tesi su Aristotele. Il 25 giugno del 1678 sostenne la discussione al cospetto di un pubblico numerosissimo e divenne la prima donna a laurearsi. 

Dopo la laurea rimase a vivere a Padova e scrisse numerose poesie in varie lingue.
Purtroppo morì pochi anni dopo, nel 1684: essendo debole di costituzione si ammalò spesso e per motivi religiosi fece subire al proprio corpo ulteriori tormenti. Venne sepolta nella chiesa di S. Giustina a Padova.

La sua figura per anni fu dimenticata, fino a quando venne riscoperta e valorizzata nel 1969 dalla stessa Università di Padova, che avviò delle ricerche sulla sua personalità, che aggiunge lustro e pregio alla storia della cultura del nostro Paese.

Link dai quali ho tratto le informazioni e nei quali potrete trovare approfondimenti e ulteriore bibliografia, l'immagine è tratta dal primo sito citato:




giovedì 13 ottobre 2016

Il libro dei Baltimore

Cari lettori, oggi, tra le nuove uscite, vorrei proporvi un romanzo scritto da Joel Dicker, autore de "La verità sul caso Henry Quebert" che mi era molto piaciuto: chissà se questo libro si rivelerà bello e intrigante come il precedente?

TRAMA (da amazon)

Sino al giorno della Tragedia, c'erano due famiglie Goldman. I Goldman di Baltimore e i Goldman di Montclair. Di quest'ultimo ramo fa parte Marcus Goldman, il protagonista di "La verità sul caso Harry Quebert". I Goldman di Montclair, New Jersey, sono una famiglia della classe media e abitano in un piccolo appartamento. I Goldman di Baltimore, invece, sono una famiglia ricca e vivono in una bellissima casa nel quartiere residenziale di Oak Park. A loro, alla loro prosperità, alla loro felicità, Marcus ha guardato con ammirazione sin da piccolo, quando lui e i suoi cugini, Hillel e Woody, amavano di uno stesso e intenso amore Alexandra. Otto anni dopo una misteriosa tragedia, Marcus decide di raccontare la storia della sua famiglia: torna con la memoria alla vita e al destino dei Goldman di Baltimore, alle vacanze in Florida e negli Hamptons, ai gloriosi anni di scuola. Ma c'è qualcosa, nella sua ricostruzione, che gli sfugge. Vede scorrere gli anni, scolorire la patina scintillante dei Baltimore, incrinarsi l'amicizia che sembrava eterna con Woody, Hillel e Alexandra. Fino al giorno della Tragedia. E da quel giorno Marcus è ossessionato da una domanda: cosa è veramente accaduto ai Goldman di Baltimore? Qual è il loro inconfessabile segreto?

mercoledì 12 ottobre 2016

Disney Princess Book Tag

Ciao a tutti, oggi vi voglio proporre un bellissimo tag che ho visto sul blog di Valentina http://valentinabellucci.blogspot.it/2016/10/disney-princess-book-tag.html, che coinvolge libri e principesse Disney... ma cominciamoo subito con il primo abbinamento:

1) ANNA ED ELSA - UN LIBRO CHE COINVOLGA RAPPORTI DI PARENTELA FRATELLI/SORELLE



Un classico della letteratura, che ho letto moltissimi anni fa ma del quale conservo ancora un bel ricordo: Meg, Jo, Beth, Amy, le quattro sorelle March sono le prime che mi sono venute in mente pensando a questa associazione.


2) RAPUNZEL- UN LIBRO CHE TI HA FATTO SENTIRE EMOTIVA



Ho letto questo romanzo l'anno scorso e, immagino come tutti, l'ho trovato molto intenso e commovente: un amore tra giovani ragazzi che, purtroppo, non riescono a vivere con la spensieratezza della loro gioventù  a causa della malattia di entrambi.


3) MERIDA- UN LIBRO CON UNA DONNA GUERRIERA



Questo romanzo ha una protagonista molto particolare: inizialmente potrebbe sembrare arrogante, viziata e presuntuosa, ma nel corso della storia lotterà il più possibile per far luce sul mistero legato alla morte della madre e che l'ha vista coinvolta e condannata al carcere. Un altro romanzo che consiglio come lettura.


4) TIANA- UN LIBRO CHE AFFRONTA PROBLEMI REALI



Una storia moderna, che ha come protagonista una giovane ragazza del Sud alle prese con le prime esperienze lavorative a Milano, tra crisi economica, precariato e stage non pagati. Un problema purtroppo molto comune tra i giovani di oggi.


5) BELLE- UN LIBRO CLASSICO



Questo è uno dei miei classici preferiti, perciò mi sento in dovere di citarlo in questo tag!


6) POCAHONTAS- UN LIBRO CON TEMA LA NATURA, O SCRITTO DA UN NATURALISTA



Devo ancora leggere questo libro, ma trattando di temi legati alla medicina naturale, penso che possa valere come risposta, sinceramente non mi vengono in mente altre letture.


7) JASMINE- UN LIBRO CON UN DESIDERIO DI LIBERTA'



Una storia ironica e leggera, ma con vari spunti di riflessione: la protagonista è una ragazza che non ha mai osato dire quello che pensa per timore del giudizio degli altri, ma poi, per una sorta di incantesimo, sarà costretta a dire sempre quello che vorrebbe; questo la porterà ad avere la forza necessarie per essere maggiormente sè stessa e avere il coraggio di esprimere liberamente le proprie opinioni.


8) MULAN- UN LIBRO CON GUERRE O BATTAGLIE



Un romanzo molto intenso, che racconta la deportazione delle popolazioni delle repubbliche baltiche dal loro paese alla Russia per ordine di Stalin, sullo sfondo degli inizi della seconda guerra mondiale.


9) ARIEL- UN LIBRO CHE TRATTA DI CURIOSITA' O APPRENDIMENTO

Se volete conoscere qualche curiosità sui personaggi più noti della letteratura e nello stesso tempo farvi quattro risate, leggete questo libro! Un modo semplice e diretto per farci comprendere l'umanità di questi grandi intellettuali.

10) CENERENTOLA- UN LIBRO CHE TRATTA DEL LAVORO MANUALE



Uno dei miei romanzi preferiti di Sophie Kinsella: una giovane donna in carriera, a causa di un errore sul lavoro, si troverà costretta a scappare e a rifugiarsi in un paesino sperduto, nel quale sarà obbligata a imparare tutti i lavori domestici che ha sempre detestato, tra pasticci e situazioni al limite del paradossale...


11) LA BELLA ADDORMENTATA- UN LIBRO CHE COINVOLGA IL SONNO





Una storia molto delicata che ha come base gli strani sogni compiuti dalla protagonista, nei quali vede lo svolgersi della sua vita se non avesse perso in un incidente stradale il grande amore della sua vita.


12) BIANCANEVE- UN LIBRO CHE TRATTA DI UNO DEI SETTE VIZI CAPITALI


Sto leggendo ora questo romanzo: un libro giallo ambientato nella bassa emiliana nell'ambiente enogastronomico, tra trattorie, aziende di salumi, antichi ricettari, cuochi e critici gastronomici: per ora si sta rivelando una lettura davvero piacevole!

13) MEGERA- UN LIBRO CHE TRATTI DI MITOLOGIA GRECA


Un libro per ragazzi, scritto sottoforma di diario da Ebe, futura dea della giovinezza e coppiera degli Dei.


14) ALICE- UN LIBRO SENZA SENSO O CHE TRATTI DI MONDI STRANI



Quando penso a un romanzo ambientato in un mondo strano non posso non pensare al mondo strano per eccellenza, quello di Harry Potter!


15) MAID MARIAN- UN LIBRO CON UN CANE



Il romanzo del più famoso film che ne è stato tratto: una storia molto delicata che ha per filo conduttore il profondo legame che lega l'uomo al cane.


16) NALA- UN LIBRO CON UN FELINO



Un libro letto quest'anno, che mi è piaciuto veramente tanto: la voce narrante è proprio un gatto che, divenuto randagio a causa della morte dell'anziana padrona, verrà inconsapevolemente adottato da quattro famiglie, ognuna con problemi e storie diverse. Il micetto tenterà di portare conforto e felicità nelle loro vite.


Ancora una volta taggo chiunque abbia voglia di cimentarsi con questo tag veramente delizioso, con l'invito a lasciarmi il vostro link :-)