venerdì 10 giugno 2016

Non tutti sanno che... (curiosità su Dante)

Ciao a tutti, dopo una settimana di pausa per il ponte del 2 giugno torna la mia rubrica di "Letteratura & Cultura". Dopo la serie dei tre post dedicati alle donne scrittrici (Sulpicia, Veronica Franco e Diodata Saluzzo), con oggi vorrei dare il via a un gruppo di tre articoli incentrati sulle curiosità relative alle "tre corone fiorentine": Dante, Petrarca e Boccaccio. Oggi si inizierà con l'Alighieri: non tutti sanno che...

  • Il suo vero nome era Durante;
  • Non si conosce il giorno della sua nascita, si sa solo che era del segno dei gemelli: si presuppone quindi che sia nato tra la fine di maggio e le prime due decadi di giugno;
  • Fu molto amico del poeta Guido Cavalcanti. La loro amicizia nacque quando Cavalcanti cercò di interpretare un sogno compiuto da Dante e riportato in un celebre sonetto della "Vita Nuova": la sua risposta fu ritenuta dall'autore della "Commedia" come la più esauriente e da lì nacque il loro rapporto di amicizia;
  • Lo stesso Dante, quando entrò in politica e venne eletto priore, dovette però subordinare la sua amicizia con Cavalcanti alla ragion di stato, mandando in esilio l'amico;
  • Per poter entrare in politica Dante fu obbligato a intraprendere una professione e divenne perciò un erborista (celebre i suoi abiti rossi, che erano delle specie di divise della sua professione);
  • Un altro celebre amico di Dante fu Forese Donati, con il quale iniziò uno scambio di poesie noto come "tenzone", nel quale i due amici, per gioco, si prendono in giro e si insultano a vicenda;
  • Nella sua opera linguistica "De vulgari eloquentia", scritta con lo scopo di scegliere tra i vari volgari d'Italia quello che aveva le caratteristiche per diventare lingua nazionale, contrariamente a quello che si potrebbe pensare, non indicò il fiorentino, ma il bolognese;
  • Nonostante la sua prolifica attività di scrittore, non possediamo alcun scritto autografo;
  • Fu autore anche di un trattato di cosmologia in latino, la "Quaestio de aqua et terra";
  • Scelse di intitolare la sua opera più famosa con il termine "Commedia" per identificare un percorso che inizia sotto i più cattivi auspici ma che termina con il lieto fine. Il termine "divina" lo introdusse in seguito Boccaccio, suo grande ammiratore, ma fu messo a stampa per la prima volta nell'edizione del 1555 dall'intellettuale Ludovico Dolci;
  • Sposò Gemma Donati ed ebbe tre figlio: Pietro, Jacopo e una figlia che divenne suora con il nome di Suor Beatrice;
  • Morì e fu sepolto a Ravenna. I due figli si adoperarono molto per pubblicizzare l'opera più importante del padre e scrissero anche dei commenti di spiegazione alla "Commedia";
  • In molti cercarono di imitare l'opera di Dante, ma nessuno ottenne il suo stesso successo: nel Cinquecento l'intellettuale Pietro Bembo dichiarerà il suo stile inimitabile, anche se con una sfumatura negativa;
  • Oggi, a Firenze, è possibile visitare la casa di Dante, anche se non è quella reale, ma è stata ricostruita. Al suo interno è presente l'autografo di Brunetto Latini, il suo maestro;
  • Di fronte all'abitazione è presente la chiesa in cui Dante vedeva Beatrice: un piccolo edificio dove oggi gli innamorati usano lasciare dei biglietti d'amore. 
P.s. Se conoscete altre curiosità su Dante scrivetele nei commenti ;-)

10 commenti:

  1. Oh il caro dante!
    sempre interessante leggere qualche "chicca
    " su questi autori,visto che a volte il fatto di studiarli a scuola rischia di non farli apprezzare come meritano
    Ciao ariel ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela, è vero: poi, chissà perchè, sono sempre gli aspetti più curiosi a essere ricordati!

      Elimina
  2. Mi hai fatta ricatapultare al periodo liceale. La figura di Dante mi ha sempre affascinata, mi piacerebbe visitare i luoghi d'ispirazione delle sue opere.
    È un peccato che proprio del padre della lingua italiana non ci siano scritti originali, invece trovo curioso che lui sia l'antesignano del "dissing". È proprio per questo che mi piace, perchè è una figura con molte sfaccettature e non un palloso autore da dover studiare obbligatoriamente a scuola (come gli obsoleti metodi didattici portano a far pensare ai ragazzi).
    Inutile dirti che ho trovato molto interessante questa rubrica! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sophia, anche a me affascina molto la sua figura e lo trovo il miglior scrittore di sempre: in realtà quella del "dissing" era un genere poetico molto in voga all'epoca, anche tra altri poeti, al pari della poesia d'amore che si studia a scuola ;-)

      Elimina
  3. La casa di Dante è un bel museo, l'ho visto un paio di anni fa ed è stato una scoperta positiva.
    Mi piace questa serie di post che gira intorno a tre nomi che hanno a che fare, in un modo o in un altro, con la mia città. Se il prossimo è Petrarca, sappi che è nato proprio qui, davanti a un pozzo che Boccaccio ha usato come ambientazione per una delle sue novelle. Quando a Dante... ha combattuto nell’esercito fiorentino in una battaglia in cui, ahimè, Arezzo è stata sconfitta. E qui viene fuori il mio campanilismo toscano. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Monica, ricordo di averlo visitato la prima volta che mi ero recata a Firenze alcuni anni fa! Eh sì, Petrarca era aretino, però non conoscevo la storia del pozzo! Anche se sono lombarda di padre e veneta di madre adoro la Toscana in generale, ma comprendo il campanilismo ;-)

      Elimina
  4. I tuoi post sono sempre interessanti ed educativi! Ci sono molte cose che ignoravo sul caro vecchio Dante, una figura che ho imparato ad apprezzare solo dopo le superiori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alisya, essendo una fan di Dante mi fa solo che piacere il tuo apprezzamento!

      Elimina
  5. Ma veramente Dante era un erborista?Non la sapevo proprio questa. Ma a giudicare dal post ne sapevo proprio poco sulla vita privata dell'autore che ci invidia tutto il mondo! Davvero interessante. Aspetto con ansia i post su Boccaccio e Petrarca:) Ciao Ariel!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nik! Sì, Dante era un erborista e, se non ricordo male, nella sua casa-museo dovrebbero essere presenti alcuni suoi "attrezzi del mestiere"

      Elimina