giovedì 16 giugno 2016

Nella tela del tempo; Ci vediamo su fb; Diversamente occupata

Cari lettori, oggi voglio dedicare un post agli ultimi tre libri
che lo letto in formato digitale, tutti di autori self. Sono tre opere molto diverse tra loro, sia per la trama sia per lo stile, ma ognuna di essa è interessante per diversi motivi e per questo mi sento di consigliarvele tutti e tre. Ecco le mie tre mini-recensioni:

“Nella tela del tempo” di Barbara Nalin è un romanzo che mi ha colpito soprattutto per due motivi: il primo per lo stile, che ho notato essere molto curato, maturo, preciso e armonioso, sia che l’autrice descriva un ambiente sia che si soffermi ad analizzare i fatti , i dialoghi e la psicologia dei vari personaggi. Il secondo punto degno di nota è la presenza nella storia di vari generi letterari, come quello del romanzo d’amore (numerosi sono infatti gli intrecci amorosi); del romanzo storico (si fa riferimento ai Cavalieri dell’ordine di Malta e alle crociate); del romanzo fantasy (elemento centrale della storia sono infatti delle tele magiche, conosciute da alcuni cavalieri di Malta, che possono far viaggiare nel tempo); della saga familiare (quali segreti si nascondono dietro la famiglia Dalle Tele e quali sono la vera natura dei rapporti tra la capostipite Velata, suo marito Fabrizio, le due figlie e le nipoti?) e del romanzo giallo (chi sono quegli strani personaggi che sono giunti alla residenza di Velata? E chi aspira a compiere i delitti che si verificheranno all’interno della narrazione?). A fare da sfondo la bellezza di Malta e dell’isola di Comino.

“Ci vediamo su fb” di Lavinia Brilli è invece un romanzo umoristico, ben scritto e  molto divertente ma anche denso di riflessioni. Protagonista è Lisa, una quarantenne sposata con un marito pantofolaio e con due figli, tra cui uno adolescente. Quando la sua mondana cugina Diana le comunica l’intenzione di trascorrere del tempo a casa sua, la nostra protagonista, pur di riuscire a crearsi un’intensa vita sociale come quella di Diana, deciderà di inventarsi degli amici fittizi su facebook, creando falsi account, e inventando serate ad alto tasso alcolico nei locali più trendy, in modo tale da catturare l’attenzione dei suoi veri amici, con i quali ha solo un rapporto superficiale. Questo sarà solo l’inizio di una catena di bugie che, se da una parte l’aiuteranno a raggiungere il suo scopo, dall’altra la porteranno a mettere in crisi il suo matrimonio e a farle capire che, forse, le sue serate casalinghe in compagnia della “Signora in giallo” alla fine non erano poi così tanto male… una commedia divertente e che porta il lettore a porsi delle domande: quanto è reale la presunta felicità che traspare dalle foto di facebook dei nostri amici? Fino a che punto le convenzioni sociali possono coniugarsi con il nostro benessere? Quali sono i veri valori che ci possono aiutare a raggiungere la felicità?

L’ultimissimo ebook che ho letto è invece una via di mezzo tra una cronaca autobiografica e un saggio ad alto tasso di umorismo. “Diversamente occupata”, scritta dall’Anarchicolf Anonima (uno pseudonimo che è tutto un programma), è un resoconto tremendamente ironico e realistico di un gruppo di colf alle prese con enormi case da pulire; datori di lavoro dalla sfaccettature più strane ma accomunati dalla voglia di pagarle il meno possibile (o, magari, non pagarle affatto); animali che ostacolano la loro attività. Completano la brillante, acuta e pregiudicata narrazione, l’analisi dei più strampalati annunci di lavoro e la descrizione antropologica di tutte le tipologie di padroni. Per non parlare dei capitoli dedicati alla dieta della colf, ai consigli di bon ton e, da ultimo, alla preghiera propiziatoria. Insomma, un’analisi  divertente che vuole raccontare il lavoro della colf in un’ottica del tutto originale e simpatica, di certo le risate non mancheranno, anche se molte volte trattasi di risate un po’ amare…

Questi sono i miei ultimi romanzi self che ho letto: anche voi leggete opere di autori self? Quali vi sono piaciute di più? Scrivetemelo nei commenti!

6 commenti:

  1. Ciao! :) Ci vediamo su Fb l'ho letto e mi è piaciuto tanto! ♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso che confermare: ho adorato lo stile e l'ironia dell'autrice :-)

      Elimina
  2. Ciao! Non ho letto questi libri ma sembrano tutti molto carini =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, valgono la pena di essere letti, anche se non riportano il nome di nessuna casa editrice ;-)

      Elimina
  3. bellissimo quello di Lavinia! uno degli umoristici self che ho apprezzato di più :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te, proprio uno dei migliori ;-)

      Elimina