venerdì 30 giugno 2017

La biblioteca più antica del mondo

Cari lettori, oggi ritorna la mia rubrica culturale, che ho deciso di dedicare alla biblioteca più antica del mondo.

Immagino che molti di voi siate soliti frequentare le biblioteche, ma forse non sapete che la primissima venne fondata in Marocco, a Fez, per volontà di una donna, Fatima Al-Fihry, nell'859, quindi in pieno Medioevo.

La biblioteca faceva parte dell'università di al Qarawiyyin ed era conservata in una moschea, la cui costruzione venne seguita dalla sua promotrice, che aveva ereditato alcuni soldi dal padre e che decise di investire nella cultura e di esserne coinvolta in prima persona frequentando le lezioni dei professori universitari.

Nel 2016 il complesso è stato restaurato da un'altra donna, Aziza Chaouni, di origine canadese: grazie ai suoi lavori ora la biblioteca ha un nuovo impianto idraulico, pannelli solari, aria condizionata, sistemi di sicurezza per tutelare i libri più preziosi.

La collezione infatti è dotata di un patrimonio di grande valore, come manuali di grammatica e astronomia, una copia del Corano del IX secolo e un manuale di giurisprudenza di Averroè. Si contano circa 4.000 volumi preziosi.

Grazie alla ristrutturazione oggi la biblioteca è aperta anche al pubblico ed è presente anche una piccola zona ristoro. Sono state inoltre istituiti una sala lettura, una sala conferenze e un laboratorio di restauro di manoscritti.

Uno splendido esempio di trasmissione del sapere che, attraverso due donne così diverse e lontane nel tempo, è stato possibile mantenere in tutti questi anni. 

Fonti:



http://www.illibraio.it/biblioteca-fez-326212/ (sito da cui è stata tratta anche l'immagine)

8 commenti:

  1. Questo è uno di quegli articoli che adoro in maniera smisurata perché mi permette di conoscere cose che ignoro. Grazie davvero! Ma soprattutto è bello leggere che il merito è stato di due donne :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Anna, mi fa piacere che ti piacciano: in effetti è un tipico esempio di "intraprendenza" al femminile!

      Elimina
  2. Che bella storia...non la conoscevo!

    RispondiElimina
  3. Sempre belli questi post con spunti di riflessione

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post, molto interessante. Curioso che fu una donna a costruire una biblioteca in quel luogo, in quel periodo storico!

    RispondiElimina