lunedì 19 febbraio 2018

Fiabe & Curiosità: Biancaneve

Buon inizio di settimana, cari lettori! Oggi ritorna la mia rubrica mensile dedicata alle origini delle fiabe: questo mese ho deciso di parlarvi della storia di Biancaneve.




I primi che trascrissero la sua storia furono i fratelli Grimm, che ne redassero più versioni: la prima risale al 1812 ed è diversa rispetto alla storia che conosciamo oggi e che sta alla base del film di animazione della Disney. La matrigna era in realtà la madre di Biancaneve che la voleva morta per mangiarne gli organi; la ragazza, inoltre, viene svegliata non dal bacio dal principe, ma dagli strattoni dei servi e infine la regina cattiva muore a causa della vendetta di Biancaneve e del principe, che la costringono a indossare delle scarpe arroventate che la faranno ballare fino alla morte. La fiaba che tutti conosciamo si rifà a una versione posteriore, datata 1857 e più adatta a un pubblico di bambini.

La storia di Biancaneve trae origine da diverse leggende, di area serba, russa e, soprattutto, tedesca. Uno studioso tedesco, Eckhard Sander, pubblicò un saggio nel quale cercò si scoprire la sua genesi. Per Sander, dietro la figura di Biancaneve si celava Margaretha von Waldeck, una contessa che, a 16 anni, venne mandata in esilio a Bruxells dalla matrigna. Lì la ragazza di innamorò del futuro re Filippo II di Spagna, ma la giovane ebbe vita breve, perchè morì avvelenata a soli 21 anni. Probabile mandante fu il padre di Filippo II, che si era da sempre schierato contro l'amore dei due giovani. I personaggi dei nani sarebbero da ricondurre a dei bambini che dovevano lavorare nelle miniere del padre di Margaretha e che, a causa del lavoro, diventavano poi deformi. La mela avvelenata, invece, si rifarebbe a un fatto accaduto in Germania, in base al quale un uomo era stato arrestato per aver venduto proprio delle mele avvelenate. 

Secondo altri studiosi, però, la vera Biancaneve sarebbe Maria Sophia von Erthal, nata nel 1725, figlia di un proprietario terriero e di una baronessa. Dopo la morte della madre, il padre si risposò e la matrigna mostrò sin da subito di non gradire i figli che l'uomo aveva avuto dalla precedente moglie. Le leggende raccontano che nel luogo dove vivevano era presente uno specchio parlante, in grado di riprodurre la voce di chi parlava. In questa storia i nani sono da ricondurre a degli uomini molto piccoli di statura che lavoravano in una zona mineraria poco lontana dal loro castello; la bara di vetro alle vetrerie molto produttive della Baviera; e il veleno alle piante di belladonna che circondavano il castello. A causa dell'odio della matrigna, la giovane fu costretta a scappare e a cercare ospitalità presso i minatori, morendo in seguito di vaiolo.

Tutto questo ci fa capire come la storia di Biancaneve assume in sè elementi diversi, non solo di fantasia, ma anche storici e leggendari, legati soprattutto al mondo tedesco. E con questo è tutto: appuntamento a marzo con la prossima fiaba!

Fonti:




18 commenti:

  1. Adoro scoprire l'origine delle fiabe, hai scritto un post molto interessante!😊 Buona giornata!😘

    RispondiElimina
  2. Ciao! Non conoscevo questo lato della storia... è sempre bello sapere qualcosa di più sulle favole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Silvia, concordo con te: questi aneddoti sono davvero interessanti!

      Elimina
  3. È sempre intrigante leggere questi tuoi post! Bellissimo! Un bacio :)

    RispondiElimina
  4. Anch’io nel mio blog ho trattatato della fiaba/favola... Argomento assai variegato e interessante. Grazie e buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, ci sono sempre molte cose da dire in materia ;-)

      Elimina
  5. mi piacciono le fiabe e le favole, le trattai anche come argomento di tesi! non conoscevo però le leggende circa Biancaneve!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Angela, che argomento interessante e curioso hai scelto per la tesi!

      Elimina
  6. Adoro le fiabe ormai penso che tu lo sappia e adoro questa tua rubrica. Biancaneva è uno dei primi Disney che ho visto

    RispondiElimina
  7. Biancaneve non è fra le mie favole preferite, ma leggere così tante informazioni sulle favole è davvero interessante ☺☺

    RispondiElimina
  8. Adoro le fiabe Ariel lo sai e questo post è interessantissimo, grazie! ❤️❤️😘😘😘

    RispondiElimina
  9. Bellissimo e interessantissimo questo post! :D

    RispondiElimina